22.2.17

Tolkien il signore del metallo - Stefano Giorgianni

Quanti gruppi metal si sono lasciati ispirare dalle opere di John R.R. Tolkien per una canzone, il nome, o talvolta l'intera carriera?
Per rispondere a questa curiositá Stefano Giorgianni ripercorre la strada del rock fin da quegli anni Sessanta di movimenti pacifisti e psichedelia: tutti volevano riconoscersi nel saggio stregone Gandalf e nella vita semplice degli hobbit immersa nella natura, e questo moltiplicò le vendite del Signore degli anelli.
Le tracce discografiche ci portano ad assistere, all'inizio del decennio successivo, alla nascita dell'heavy metal, fino a vederne proliferare i diversi sottogeneri negli anni e nei decenni. Dal truce death, al macabro black, al vivace speed, seguendo insieme il segno dei tempi e gli indizi delle canzoni dedicate ai libri di Tolkien.
I dati raccolti da Stefano Giorgianni sono vasti e vastamente documentati. Un'analisi di piglio filologico esamina i testi confrontandoli con i passi di Tolkien per mostrare quando l'ispirazione va da un probabile cenno a una rappresentazione fedele, e alcuni dei musicisti piú influenti sono stati intervistati per mostrare chiaramente cos'ha significato per loro e in che modo è filtrata l'influenza di Tolkien.
La grande quantitá di materiale parla chiaro: John R.R. Tolkien è a pieno diritto il signore del metallo. Il libro è una bella carrellata, che mi ha dato un sacco di dritte su gruppi che non avevo mai sentito nominare.

"Tolkien il signore del metallo" di Stefano Giorgianni
Edizioni Tsunami
Pagg. 400 - €22

Nessun commento:

Posta un commento