24.4.16

Cronache di Mondo9, Dario Tonani

Come ho fatto ad aspettare cosí tanto a leggere Mondo9 e le sue novelle?
Avevo l'Urania a disposizione dall'estate scorsa, quando è uscito; e prima ancora, avevo a disposizione Cardanica e altre novelle. Dammi pure dell'asino, che ho aspettato cosí tanto a calarmi in questo mondo allucinante.
Mondo9 è desertico, solcato da navi su ruote come la Robredo: colossi di ferraglia con caldaie immense, assi, pneumatici da svariati metri e decine di migliaia di cavalli vapore.
Scialuppe completamente autonome, che hanno "messo da parte" alcuni membri dell'equipaggio precedente nel proprio intrico di tubi e ingranaggi, come materiale per assicurare il proprio funzionamento. Navi che, naufragate da decenni, ancora sono in grado di aprire o chiudere boccaporti e catturare qualche nomade. Navi che non vedono l'ora di infettare il proprio equipaggio con il Morbo, che lentamente trasforma le carni in un metallo dorato che lega indissolubilmente l'uomo alla macchina.

Leggere le Cronache di mondo9 è un po' come fare un brutto sogno. Ci si aspetterebbe che la macchina facesse ciò per cui è stata progettata, ma nel profondo si cela la paura che la macchina abbia delle intenzioni diverse dal programma scritto dall'uomo, ed ecco che agisce sbattendo l'uomo alla base della piramide biologica.
È possibile che delle gigantesche navi a vapore evolvano grazie alla propria complessitá e agiscano nel proprio interesse fregandosene di essere state costruite da ingegneri umani?
Ma sono poi state costruite da ingegneri umani, o sono forme di vita pseudoconsapevoli, nate come noi dalla complessitá di cellule che si sono messe insieme e dagli sforzi per sopravvivere a un ambiente ostile?
Due cose sono assolutamente certe. La prima è che con Mondo9, il lettore si trova immerso in una faida spietata fra carne e metallo, in cui il singolo si trova catturato, riciclato e impiegato per far funzionare qualcos'altro.
La seconda è che Dario Tonani sa proprio imbambolarci per bene con la sua narrazione, facendoci calare in queste novelle da incubo. Non mi sorprende affatto che Mondo9 abbia avuto un successo internazionale di tutto rispetto.

Nessun commento:

Posta un commento