31.12.15

Come funziona la musica, David Byrne

È o non è un titolo fantastico? Come funziona la musica. Solo David Byrne aveva il diritto di mettersi lì a spiegarci tutto quanto al riguardo. Ma proprio tutto.
Dopo l'esperienza dei Talking Heads, dopo le collaborazioni con Brian Eno e innumerevoli altri artisti, dopo aver provato le musiche di tutto il mondo, tutti gli stili che ti possano venire in mente, tutte le forme possibili di contratto e di accordo che si possano provare. Dopo aver passato una vita a sbarcare il lunario e scoprire ogni recondito segreto della musica.
Byrne ci fa comprendere il mondo della musica in una decina di capitoli che ne esplorano alcuni aspetti precisi. Il primo inizia trattando degli spazi in cui la musica nasce: poiché la specializzazione di studio dell'autore era l'architettura (ci racconta che mai avrebbe pensato di dedicarsi professionalmente alla musica, ma è ciò che è successo!), pochi sono più qualificati di lui per spiegarci le particolarità di una cattedrale gotica, di uno spiazzo all'aria aperta, o del club CTCB di New York in cui hanno iniziato a esibirsi i Talking Heads e altre band.
Da qui il libro ci illustra molti altri aspetti. Da una panoramica sulle musiche del mondo alla storia delle tecnologie di registrazione, dagli aspetti pratici di far quadrare il bilancio nella musica pop alle teorie in base all'esperienza diretta e indiretta sulle fortunate combinazioni che permettono la nascita di una scena. Per finire, una carrellata di ragionamenti su quello che può essere la definizione della musica, a cosa può servire per noi umani, perché la ricerchiamo o ci mettiamo a farla, qual è il suo effetto su di noi.
Il libro copre così tanti aspetti che poteva solo essere un tomo poderoso dalla scrittura fitta. Sfido: ti spiega veramente tutto! È il risultato di una ricerca meticolosa e di un patrimonio di anni dedicati alla musica. Quando mi ha guardato dallo scaffale, ho capito subito che non volevo andare a casa senza!

Nessun commento:

Posta un commento