25.11.15

Regina di fiori e radici

Regina di fiori e radici è il nuovo libro di Laura MacLem, uscito lo scorso settembre. Dopo L'incanto di Cenere, rivisitazione di Cenerentola in una chiave che da un certo punto di vista era horror e da un altro era un puro realismo Settecentesco, questa volta Laura si presenta con una versione romanzata del mito greco di Ade e Persefone e lo fa da sola, senza editori, con una struggente copertina di S.M. Marenco.
Come è noto a tutti coloro che hanno studiato il mito, Persefone è dea della Primavera, figlia di Zeus e Demetra, e il suo tenebroso sposo è nientemeno che Ade, signore di tutta l'Oltretomba. In prima persona, Persefone ci narra com'è andata tutta la vicenda nei minimi dettagli – beh, quelli rilevanti –, avendo cura di farci sapere i pochi particolari che sono stati travisati dal mito.
Salvo quei particolari, il romanzo si attiene ai miti di Persefone che ci sono pervenuti in modo scrupoloso, mentre il punto di vista della protagonista ci fa vivere le emozioni travolgenti della sua storia. Non solo: come nessuna donna aveva mai osato prima, Persefone rivendica di avere dei diritti di autodeterminazione, e di avere qualcosa da spiegare al marito.
Una lettura particolarmente attuale oggi, che è la giornata contro la violenza verso le donne. I diritti rivendicati da Persefone hanno cominciato a essere riconosciuti nel mondo occidentale solo nel corso del Novecento, e rimangono tuttora scarsamente applicati.

1 commento: