31.10.13

Lavoro, CCNL, categoria e altre parole difficili

Faccio parte dell'oltre 90% di lavoratori del credito che oggi per protesta si sono astenuti dal lavoro.
La motivazione della protesta: la controparte ha disdetto unilateralmente il contratto nazionale del lavoro. Non mi soffermo a dare giudizi – non sarebbe opportuno in quanto a) non è il mio scopo, e b) non mi sorprenderai a dare giudizi perentori in una sede di dichiarazioni pubbliche che rimarranno a imperitura memoria su archive.org.
Innanzitutto sono rallegrato di apprendere che siamo stati così tanti: non mi sento solo. In secondo luogo vorrei dire a te, qualunque sia il tuo impiego – che si tratti di lavoro occasionale, continuativo, bianco o nero, disoccupazione, sfruttamento, passatempo, libero impiego, partecipazione in impresa o altro – di tenerti informato su cosa succede. Chi fa quale mossa, quali sono i paletti, se il cavallo può saltare o il re arroccare. Perché quello che succede a una categoria, domani può succedere a un'altra categoria.

Nessun commento:

Posta un commento