24.6.13

“Il fantasma di Idalca” a Genova

Nel pomeriggio di domenica 7 luglio sarò a Genova alla libreria Sogno Books and Sports per fare quattro chiacchiere su Il fantasma di Idalca.
Parleremo del libro, del setting e di altro; in esclusiva per i presenti ci sarà un miniracconto su un evento del remoto passato di Nova.
L'appuntamento sarà alle 17.30 presso la libreria, in via Pionieri e Aviatori d'Italia a Genova Sestri Ponente. Non mancate!
Evento su Facebook

16.6.13

Racconti di viaggio del monaco Kyoshi

Un libro uscito già da un po', ma io non l'avevo letto a suo tempo e me ne sono pentito amaramente.
Questi racconti di Francesca Angelinelli sono davvero un piccolo capolavoro di letteratura fantastica. Brillanti, arguti, a leggerli si direbbero una tradizione orale di saggi orientali e invece no: sono tutti frutto della fantasia di una brava autrice.
Il monaco Kyoshi proprio monaco non è, ma mantiene i panni di quando studiava al monastero. È un indovino dal talento naturale, è sovente in viaggio per i suoi studi, e i racconti coprono dalla giovinezza in cui il suo dono lo porta lontano dalla famiglia, all'età avanzata in cui non smette né di mettersi in viaggio né di mettersi in pericolo. I personaggi e le creature che Kyoshi Nomura incontra durante i suoi viaggi sono dei tipi più disparati: stolti e saggi, morti e vivi, uomini, spiriti e demoni. E l'ambiente in cui Kyoshi si muove ha tutto il sapore dell'antico oriente, dall'estrema cura ai gesti di rispetto alla profonda intelligenza che dimostra nel capire le persone e sbrogliare le matasse dei guai.
Per condire un piccolo volume di racconti perfetti, curati nei minimi dettagli per non sfigurare fra i classici della cultura orientale, mi ha fatto un pochino di tristezza la scarsa cura editoriale: impaginazione sciatta e refusi frequenti mi ricordavano a ogni passo che non stavo tenendo in mano i rari ricordi di un vero saggio errante, bensì un più concreto prodotto di fantasia in cui un banale meccanismo fuori dal controllo dell'autrice inceppa il fictive dream.
Ciò non toglie valore ai racconti, che senz'altro rileggerò con piacere.

13.6.13

L’esame

Capita di portare un manoscritto vecchio a fare una valutazione. Il manoscritto ha un tot di anni: nel frattempo il mondo è diverso, il panorama è cambiato e tu, soprattutto, sei un'altra persona.
“Facciamo fare una visita dall’editor” ti dicono all’accettazione. Ti siedi lì sotto i muri bianchi, su file di sedie di vinile che ospitano tanti altri che come te hanno un plico in mano da far vedere. Ci sono dei giornali sparuti del giorno prima, una vaschetta in cui infili la cartelletta che ti hanno dato con i dati del tuo paziente, e il crocefisso che un po’ ti guarda e un po’ ha gli occhi al cielo. Passano gli infermieri a raccogliere le cartellette dal fondo della vaschetta, e dopo un po’ di turni tocca al tuo.

10.6.13

Letture durante l'editing

La settimana scorsa raccontavo di essere in fase di editing; ieri sera ho finito la mia parte. È stata una settimana di ferie di lavoro intenso (d'oh!) e ce l'abbiamo fatta. È stato massacrante, illuminante e soddisfacente: a breve staremo a vedere i risultati. Tra un pezzo e l'altro ho fatto molte cose, e fra queste ho letto ottimi libri.

2.6.13

The Bookshelf e varie

The BookshelfTra meno di una settimana partirà il programma radiofonico The Bookshelf, in streaming ogni venerdì sera alle nove su MWRadio.it, web radio del comune di Monza. The Bookshelf parlerà di microeditoria: autori, editori e soluzioni del sottobosco difficile da trovare in libreria. Conduce la trasmissione Valerio Villa, un amico che (salvo essersi persi di vista per un po') conosco dal 1992 e con cui ho iniziato in quegli anni i primi esperimenti di impaginazione di pubblicazioni amatoriali, oltre a bazzicare concerti insieme.