21.6.11

Storie del mare

Da buon bambinone appassionato di letteratura piratesca – da L'isola del tesoro, a Il corsaro nero, a Monkey Island – capita che mi imbatta in documenti e saggi storici. Non li vado a cercare, ci vado a sbattere contro.
Così sono incappato in un testo scritto di pugno da un medico olandese, imbarcato come tale per conto della Compagnia delle colonie, subito venduto schiavo perché così prevedeva il normale contratto di lavoro, poi corsaro e filibustiere.
More about Il manuale del filibustiere
Il medico salta parecchio di palo in frasca, tanto da rendere difficile trovare un filo logico o un punto della situazione. Ho cercato di non cercarli. Ci ha raccontato tutto, ma proprio tutto, ciò che occorre sapere per ricostruire la vita nelle colonie nel tardo Seicento. Dalle condizioni disumane del lavoro, alle principali e più note prodezze dei filibustieri, alla possibilità di fare quattro conti, dati alla mano riguardo alle condizioni di lavoro, sia come "ingaggiati" sia come filibustieri. Val la pena di soffermarsi a riflettere sugli accordi consueti di questi avventurieri e sulla loro forma di democrazia e di previdenza sociale.
Non la democrazia, ma la previdenza sociale riguarda da vicino l'ultimo testo su cui mi sono imbattuto: un'appassionata biografia di Francis Drake, narrata a cominciare dai preparativi per l'ultima spedizione, che gli fu fatale.
More about Il corsaro della regina
L'autore è un sentito ammiratore di Drake, e gli eventi sono talmente ben narrati e circostanziati che non può non diventarlo anche il lettore. Dalla giovinezza alla scintilla della discordia contro gli Spagnoli, dalle prime missioni al giro de mondo, la radiografia di un grande uomo e del suo impatto nel mondo. Anche nelle invenzioni più inaspettate, impensabili al suo tempo: la previdenza sociale per i comuni lavoratori del mare, e il rispetto per gli stranieri gli umili.

Nessun commento:

Posta un commento