3.3.06

Divinità e crepuscoli

Rigiocando ad un videogioco sono stato colpito da una considerazione interessante. Non posso dire quale videogioco, perché farò spoiler pesantissimi.
Prendiamo gli ingredienti principali: un nemico che terrorizza il mondo intero e semina morte. Lo chiameremo A. Una religione globale, che chiameremo B. Da una parte, B ingloba A nel culto presentandolo come punizione divina dei peccati degli uomini; dall'altra, fornisce un ordine di sacerdoti appositamente istruiti per tenere a freno A.
Il terzo elemento sono la componente necessaria di una religione, l'oggetto del culto. Chiameremo C le divinità. C è lo strumento con cui i sacerdoti di B sconfiggono A. Ma A non è il solo nemico, né quello vero. Da secoli il potere occulto di B fa in modo che A non muoia mai e che B sia sempre necessario per la sicurezza dei cittadini del mondo. Da alcuni dettagli della storia appare abbastanza chiaro che C si è organizzato anni fa in una ribellione contro B. Per esigenze di trama, ovviamente avrà successo.
E' uno schema letterario bellissimo e val la pena di prendere almeno un pochino di spunto.

Nessun commento:

Posta un commento