30.3.06

Meglio del commissario di Fracchia

Qualcuno si ricorda Banfi che faceva il Commisserio? La mitica gag del suo sottoposto De Simone che aveva l'idea del lasciapassare?
Ricapitoliamo gli eventi.
Ieri: il sig. Tizio (non posso dire il nome, c'è la privacy) mi chiama perché il programma di posta non si chiude completamente. Rimane la maschera "attendere - chiusura di in corso" e non se ne va. Io gliene provo un po', dalla creazione ex-novo del profilo di posta alla reinstallazione completa della suite per ufficio. Insomma, tutto quello che si può fare prima di giungere alla reinstallazione del client, senza successo.

25.3.06

Shilton

Classe 1990. Non sappiamo esattamente il giorno e a dire il vero abbiamo solo una vaga idea che il mese fosse maggio. Quando è entrato in casa aveva qualcosa di simile al mese e mezzo e ci ha subito mostrato la sua vera vocazione: giocare a palla e parare. Perciò l'abbiamo chiamato così.
E' un po' anzianotto, ormai--ma la passione del portiere non si smentisce. Il suo momento preferito è quando mia madre sbrina il frigorifero. Lei usa (per comodità) lanciare i pezzi di ghiaccio nel lavandino, che si trova a pochi piedi dal congelatore. L'esperto non perderebbe questi momenti per nessuna ragione al mondo. Si mette in attesa sul piano del lavandino, oppure sul termosifone, insomma un posto comodo da cui può parare i pezzi di ghiaccio in arrivo e respingerli verso il resto della stanza, dove altri 21 ipotetici partecipanti potrebbero continuare l'azione.
E' anche molto affettuoso. Nella foto è ritratto in uno di quei momenti in cui avvista uno dei sapiens a cui è affezionato e produce un verso che suona come "eh-eh-eh-eh-eh"--lo stesso verso che la maggior parte dei felis riservano al bird-watching--e che pare associato ad un desiderio smodato di coccole.

20.3.06

Distanze

Per arrivare in Piazza XXIV Maggio ci si mettono più di 2 mesi?
Se sì, allora in Corso XXII Marzo si arriva in fretta.

10.3.06

Quanto siamo piccoli?

Ho giocato un po' con Celestia, intanto che coprivo un po' di orario extra.
Ho provato a perdermi nello spazio profondo. Le rappresentazioni ottiche delle galassie sono molto verosimili, perché provengono tutte da dati astronomici. Trovare la Via Lattea per tornare è stata un'impresa. Più che altro la si riconosce perché forma un triangolo con M33 ed M31 (Andromeda, quella dei Cavalieri dello Zodiaco), ma bisogna affinare l'occhio.
Se non la si confonde con M31, dopotutto sono entrambe galassie a spirale con due piccole galassie satelliti ciascuna (M31 è più tonda) ci si può avvicinare a casa. Da lì è facile vedere il Sole? Assolutamente no.
Posto che bisogna riconoscere il braccio giusto della nostra galassia (il meno luminoso), l'unica stella che può brillare abbastanza da costituire un faro è Deneb. Non è lontanissima da noi. E' facile raggiungere Sol da Deneb? No.
Mi sono spostato verso Polaris, pensando "caspita, chi è che non si orienta con Polaris?" Ma anche da lì, riconoscere Sol è un'impresa. Però si scorge una stella che è ancora più vicina alla nostra: Vega. Solo da lì, scrutando con molta attenzione, ci si può accorgere che uno dei puntini gialli più minuscoli è in realtà un corpo celeste a pochi anni luce. Relativamente pochi.
Conclusione: se il nostro mondo non lo trova il Re Vega, non lo troverà mai nessuno.

3.3.06

Divinità e crepuscoli

Rigiocando ad un videogioco sono stato colpito da una considerazione interessante. Non posso dire quale videogioco, perché farò spoiler pesantissimi.
Prendiamo gli ingredienti principali: un nemico che terrorizza il mondo intero e semina morte. Lo chiameremo A. Una religione globale, che chiameremo B. Da una parte, B ingloba A nel culto presentandolo come punizione divina dei peccati degli uomini; dall'altra, fornisce un ordine di sacerdoti appositamente istruiti per tenere a freno A.
Il terzo elemento sono la componente necessaria di una religione, l'oggetto del culto. Chiameremo C le divinità. C è lo strumento con cui i sacerdoti di B sconfiggono A. Ma A non è il solo nemico, né quello vero. Da secoli il potere occulto di B fa in modo che A non muoia mai e che B sia sempre necessario per la sicurezza dei cittadini del mondo. Da alcuni dettagli della storia appare abbastanza chiaro che C si è organizzato anni fa in una ribellione contro B. Per esigenze di trama, ovviamente avrà successo.
E' uno schema letterario bellissimo e val la pena di prendere almeno un pochino di spunto.

2.3.06

Così si divertì Lucy

Questa gatta (proprio questa, non un'altra) si diverte un mondo in questo modo.
Passo davanti al bagno, dove lei è appostata sopra la lavatrice a leccarsi o rotolarsi o quale che sia il suo passatempo in quel momento. Mi affaccio, mi faccio vedere per un mini-attimo e sparisco dietro la porta. La gatta si alza, miagola e viene a prendermi per portarmi dove lei si trovava prima, cioè sulla lavatrice. Non è che mi fa salire sulla lavatrice, certo. Basta che io la gratti. Quando mi allontano ed esco dal bagno lei mi segue e mi viene a prendere per ripetere l'operazione.
A volte riesco, dopo essere sparito dietro la porta, a fare tutto il corridoio ed appostarmi sull'entrata della camera da letto prima che la felina sbuchi. Se mi vede fare capolino per un'altra frazione di secondo mi insegue, felicissima. Peccato che non posso farmi inseguire anche in balcone. Se la pista continuasse si divertirebbe molto di più.